Home
Andata
Ritorno
Calendari
Storia
News
Video
Classifica
Foto
Squadra
Marcatori
Giovanili
Juniores
Allievi
Giovanissimi
Sponsor
COMUNICAZIONE DI SERVIZIO: CERCO INFO STORICHE DEL CALCIO A SORSO, INFO CRONOLOGICHE SULLA NASCITA DELLE SOCIETA' SORSO CALCIO, ESPERIA SORSO E ROMANGIA, FOTO SCANNERIZZATE, ARTICOLI ECCETERA. SE QUALCUNO VOLESSE CONTRIBUIRE MI PUO' CONTATTARE ALLA MAIL cescocanu@sorsocalcio1930.com

martedì 28 ottobre 2008

OTTIMISMO


Dall'intervista apparsa oggi sulla "Nuova Sardegna", si evince che mister Manunta è convinto che la squadra riuscirà presto a risollevarsi dalla situazione nella quale sembra chiusa, e dice chiaramente che la classifica è bugiarda, e che Romangia e Monte Alma dovrebbero trovarsi in tutt'altra posizione per la qualità di gioco espressa in campo. Nonostante tutto quindi, l'allenatore della Romangia Sorso continua a credere nel progetto che si sta portando avanti tra le mille fatiche, e poichè come si dice è sempre il comandante l'ultimo ad abbandonare la nave che affonda, significa che ci crede davvero, e i tifosi della Romangia non possono che convenire con lui. In pratica la nave è tutt'altro che in procinto di affondare.
E ci credo anch'io, a dispetto di quello che dice la classifica e di quello che dice un cronista poco obiettivo e poco serio della "Nuova", che si è "dimenticato" di scrivere delle numerose occasioni avute contro l'Olmedo e della traversa di Marreu. E per questo domenica sarò sempre allo stadio, sperando che altri raccolgano l'appello.

lunedì 27 ottobre 2008

6° GIORNATA: OLMEDO - ROMANGIA 2-1

(Riporto la cronaca da "La Nuova Sardegna", perchè ieri non ero ad Olmedo, ci scusiamo per l'assenza di foto e video)
Finisce, a malincuore, con un'ennesima sconfitta la trasferta ad Olmedo per la Romangia Sorso. Ancora una volta, ma non è più una novità, dopo una prestazione che all'inizio pareva promettente. I biancorossi si arrendono solo nel secondo tempo in dieci uomini per l'espulsione di Giovanni Pischedda, dopo essere stata in vantaggio fino al 58' per il primo goal su azione dei sorsesi con Ivan Sanna.

La Romangia è scesa in campo con Contini GF, Pischedda G., Cappai, Sechi GL, Roggio, Contini T., Marreu, Mannurita, Sechi A., Sanna e Pischedda A. Conferma quindi la terna Sanna-Pischedda-Sechi. Ex dell'Olmedo nelle file della Romangia ben 3 giocatori: Sanna, Mannurita e Sechi A.

La partita è a viso aperto fin dai primi istanti, con due occasioni per parte, con i due Sechi di Sorso che sfiorano il goal. Al 13' la Romangia va in vantaggio alla fine di una serie di rimpalli, alla fine dei quali Ivan Sanna deposita in rete il suo primo goal stagionale. A questo punto la maledizione romangina si rifà viva, e Contini T non concretizza il raddoppio che a quel punto sarebbe stato fatale per l'Olmedo. Al 30' Pischedda G riceve la prima ammonizione. Prima della pausa l'Olmedo sfiora il pareggio con Gutierrez e Auneddu.

Nessuna sostituzione al rientro dagli spogliatoi. Dopo 10 minuti entra Musino al posto del capitano Sechi GL, e al 11' arriva la seconda ammonizione per Pischedda G, che viene espulso, e a quel punto l'Olmedo prende in mano la partita. Passano infatti due minuti e i padroni di casa agguantano il pareggio con Sulas, che batte Contini fino a quel momento impeccabile. Dopo 9 minuti, il vantaggio dell'Olmedo che spezza le gambe ai romangini con Luzzu. Per i sorsesi ci prova Pischedda A a riportere la partita su binari favorevoli, ma senza successo. Al 37' mister Manunta inserisce Tirotto al posto di Sanna per cercare di sfruttare le palle alte, ma il risultato non cambia, e nell'ultimo minuto Contini GF evita un passivo peggiore, che francamente la Romangia non meritava.

Va detto che come esposto Sabato sera, non era importante il risultato della partita, poichè si giocava su un campo molto difficile in casa di una delle squadre al vertice, mentre erano altresì importanti i miglioramenti che la squadra avrebbe dovuto mettere in evidenza, e questo si può tranquillamente affermare che si sia verificato, la squadra ha giocato alla pari con la seconda in classifica, a dimostrazione che il momento negativo che dura ormai da 4 giornate dipende più da episodi, che da inferiorità biancorossa. Ancora una volta, si può parlare anzi di occasione mancata, ma ora bisogna continuare per questa via e cercare di migliorare quento c'è già di buono. Domenica prossima a Sorso arriva l'Arbus.

COSI' LA SESTA GIORNATA

ARBUS- ORIONE 96 0-0
BOSA - GIALETO 3-2
LATTE DOLCE - VALLEDORIA 1-1
MACOMER - ILVAMADDALENA 1-1
MONTE ALMA - GHILARZA 1-2
OLMEDO - ROMANGIA 2-1
R. VILLACIDRO - TORRES 0-1
USINESE - BUDDUSO' 2-0
RIPOSO: BORORE

sabato 25 ottobre 2008

IN ATTESA DELLA PARTITA DI DOMANI


Partita molto difficile in avvicinamento per la Romangia Sorso, contro un Olmedo che nelle ultime partite ha dimostrato di possedere una potenzialità molto alta. D'altro canto però i sorsesi hanno dalla loro una rinnovata voglia di fare bene. Non sarà il risultato di domani ad essere importante, nè sarà determinante. Qualunque sia il resoconto dei tabellini di domani, la cosa che più conterà sarà il gioco che la Romangia riuscirà ad imporre su un campo difficile come quello di Olmedo, che pare tra l'altro sia in erba sintetica, e quindi piuttosto sconosciuto alla compagine romangina. In questo momento l'Olmedo si trova in seconda posizione insieme al Villacidro, dopo una vittoria largamente meritata sull'Orione 96, altra grande protagonista di questa stagione. Sarà determinante la voglia di rivalsa dei biancorossi, e vedremo finalmente se con orgoglio e sudore la squadra di Sorso riuscirà a smuovere le acque torbide nelle quali sembra impantanata.

Nel frattempo un'altra notizia che riguarda i nuovi acquisti targati Romangia. Sembra infatti che sia stato raggiunto un accordo con Antonio Carta, attaccante di peso ed esperienza, sul quale si stanno concentrando le aspettative di mister Manunta e della società biancorossa. C'è da sperare che i nuovi innesti possano dare quel qualcosa in più che alla Romangia è mancata finora nelle prime partite del campionato. La cosa più importante però è non perdere la fiducia in chi sta facendo enormi sforzi, davvero giganteschi, per far sì che il calcio sorsese torni a contare qualcosa a livello regionale, quindi questo blog vuole invitare i cittadini di Sorso a non speculare su voci incontrollate esterne che insinuano illazioni riguardo la squadra, perchè questo tipo di dicerie non solo farebbe danni, ma li ha già fatti lo scorso anno svuotando lo stadio nel momento in cui c'era più bisogno di sostegno.
Sostanzialmente, a chi non importa nulla della squadra, è rivolto l'invito di stare zitto e perlomeno di interessarsi di altro, poichè con il suo atteggiamento crea inutilmente distacco da parte della Sorso calcistica.
A chi invece piace lo sport e vuole sostenere la squadra, è rivolto l'invito di non perdere la fiducia nelle potenzialità della Romangia, perchè l'impegno profuso è davvero tanto e i risultati arriveranno, non dimenticate che quest'anno l'obiettivo è la salvezza.
Inoltre, bisogna ricordare che in una partita scendono in campo sempre due squadre, 22 giocatori, e si inizia sullo 0-0. Non esistono nè vittorie scontate nè tantomeno sconfitte annunciate, entrambe le squadre scendono in campo con il medesimo obiettivo, e si può vincere o perdere. Ma se qualcuno pensa che la Romangia non si stia impegnando, significa che allo stadio non si è neppure avvicinato.

Appuntamento per domani alle 15:00 ad Olmedo, e come sempre forza Romangia!!!

giovedì 23 ottobre 2008

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE


Nonostante il nuovo acquisto della Romangia, purtroppo domenica è arrivata la terza sconfitta consecutiva, che relega i biancorossi al penultimo posto in classifica, davanti al solo Monte Alma, fermo a 1 punto in fondo alla classifica, guadagnato in casa contro i sorsesi. Non sembra un periodo felice per la Romangia, nonostante più volte abbia dimostrato di poter giocare ad ottimi livelli. Certo è che la sfortuna ci ha messo del suo, con un numero impressionante di goal sbagliati di pochissimo, e che se anche qualcuno di essi avrebbe avuto miglior sorte la classifica della Romangia sarebbe notevolmente più positiva.
Basti pensare ad esempio ai goal sbagliati all'esordio contro il Ghilarza sull'1 a 0. Il Ghilarza ha poi pareggiato sull'unica svista difensiva. Ai goal sfiorati a Nulvi su punizione da Schintu, su un campo che non agevolava il gioco tecnico con la palla a terra. Per non parlare poi della gara che sembrava in discesa contro il Bosa e che poi è finita invece malissimo per due svarioni della difesa e numerosi goal sbagliati a un metro dalla porta. Perfino a Villacidro, che leggendo i tabellini si penserebbe ad una disfatta senza appello, se un colpo di testa all'inizio di Andrea Pischedda avesse avuto la sorte che meritava, e che invece è stato neutralizzato da una specie di miracolo del portiere villacidrese, si sarebbe vista tutta un'altra partita, visto che erano trascorsi pochi minuti e si era sullo 0 a 0. Quella di domenica contro il Macomer è l'ennesima beffa che relega la compagine di Sorso in una posizione di classifica che non merita.

Chi sale:

Gianluca Sechi - E' lo stesso giocatore dell'anno scorso, con poche sbavature e molta sicurezza.
Tore Contini - Il nuovo centrocampista della Romangia si distingue per tenacia e posizione, una forza in più per questa squadra.
Giovanni Pischedda - Un pilastro in difesa, esattamente come lo scorso anno. Sulle palle alte non c'è nessuno che gli tenga testa.
Alberto Cappai - E' il difensore che mancava, potente e tecnico, molto sicuro.
Antonello Mannurita - Ha giocato una sola partita ma ha già fatto intravedere ottime cose.
Luciano Santoni - Indispensabile, in ogni partita è uno di quelli che più volte ha il pallone ai piedi e si prende la responsabilità di far ripartire la squadra.

Chi può dare di più:

Andrea Sechi - Si è ripreso da poco da un infortunio, ma è ancora lontano dall'ottima prestazione contro il Ghilarza.
Andrea Pischedda - Troppo discontinuo, alterna ottime cose a momenti di buio. Avrebbe le qualità per fare la differenza, come Andrea Sechi.
Francesco Marreu - Rispetto alla scorsa stagione sembra calato parecchio, forse non è ancora in condizioni ottimali, qualche ottima discesa sulla fascia.
Ivan Sanna - Nella prima giornata, con Andrea Sechi e Andrea Pischedda a supporto, sembrava incontenibile, in calo vistoso.

Chi scende:

In generale, chi dovrebbe mettere la palla dentro, ovvero il reparto offensivo. Inevitabile pensarlo con soli tre goal all'attivo, dei quali due di un difensore (Gianluca Sechi) su punizione e uno su calcio di rigore (Andrea Pischedda).

Naturalmente, queste sono solo le opinioni personali dell'amministratore del blog, e non è riconducibile direttamente o indirettamente al pensiero o all'opinione di chiunque altro, e può essere condiviso come può essere anche criticato.

domenica 19 ottobre 2008

5° GIORNATA: ROMANGIA - MACOMER 0-1

Inevitabile, dopo la terza sconfitta consecutiva, parlare di crisi di risultati. 2 punti raccolti in 5 giornate sono un chiaro segno che qualcosa non va. L'ennesima sconfitta è arrivata a causa di diversi fattori, come un arbitraggio scandaloso con un guardialinee fiacco che non riusciva neppure a seguire la linea della difesa, l'ennesimo unico errore difensivo che ha causato una mischia in area dalla quale è nato il goal del Macomer per finire con i soliti grossi problemi a buttare la palla dentro la rete avversaria.

La Romangia scende in campo con Contini GF, Pischedda G, Santoni, Sechi GL, Cappai, Contini T, Marreu, Mannurita, Pischedda A, Sanna e Sechi A. Nessuna punta pura, se si eccettua Andrea Pischedda, e subito in campo il nuovo centrocampista Mannurita, che crea solidità a centrocampo.
L'inizio vede la Romangia tenere alta la linea dei difensori, tenendo a bada i contropiede del Macomer. Nei primi minuti Sechi A viene fermato per quello che sarà il primo di una lunga serie di sviste su fuorigioco della terna arbitra non proprio all'altezza di un campionato come quello di Promozione. Ma la Romangia preme, e su angolo arriva Sechi GL di testa, che però manda abbondantemente a lato. Al 14' una punizione di Mannurita scodellata in area imbecca Contini T, che a botta sicura si fa respingere il tiro da un muro di difensori. Ancora il neo-acquisto Mannurita innesca Sechi A con un precisissimo lancio; Sechi A supera agilmente il proprio marcatore ed entra in area, ma a tu per tu con il portiere sbaglia completamente il tiro, che l'estremo difensore giallo-rosso para senza problemi. Il Macomer si fa vedere su calcio d'angolo, ma Santoni è attento ad allontanare di testa. Pischedda, Contini T e Sanna lottano molto a centrocampo, ma spesso vengono fermati per falli molto dubbi assegnati generosamente dal direttore di gara, che abbocca spesso ai tuffi plateali dei giocatori del Macomer. Il primo tiro in porta del Macomer è deviato in angolo da ContiniGF, che però sbaglia l'uscita sul successivo angolo, permettendo all'attaccante del Macomer di tirare; il tiro però si perde alto sulla traversa. Al 30' l'arbitro concede inspiegabilmente un calcio d'angolo su presunto tocco di Santoni, e da lì nasce una mischia sulla quale Contini T non riesce a liberare l'area, la palla capita tra le gambe dell'attaccante giallorosso che calcia indisturbato. Contini GF riesce a deviare ma il pallone entra comunque in porta per l'1 a 0 del Macomer. La Romangia parte allora all'attacco, un lancio in area di Contini T trova libero Mannurita, che però è anticipato di un soffio in angolo prima che possa tirare. Sul finire del 1° tempo un preciso lancio dell'ottimo Mannurita trova libero Sechi A, che riesce a controllare bene ma calcia debole sul portiere, e si va a riposo con il Macomer in vantaggio.
Al rientro dalla pausa Carta prende il posto di Sanna, e inizia l'assalto biancorosso alla ricerca del pareggio. Dopo appena qualche minuto Sechi GL si libera di testa in area, ma il tiro finisce alto. Al 7' minuto Contini T lancia Pischedda A in area, il tiro di Andrea è potente ma di poco alto. Mannurita sembra aver preso le redini del gioco, svariate azioni iniziano dai suoi piedi, come il lancio lungo su Pischedda A al 12', che mette in area un traversone alto, il portiere sbaglia l'uscita e lo stesso Mannurita batte in piena area di rigore, ma il tiro è deviato sulla linea di porta dai difensori. La palla è di nuovo sui suoi piedi, ma il successivo tiro si perde tra le braccia del portiere prima che Pischedda A possa avventarsi e insaccare. Su un ennesimo cross di Contini T Pischedda riesce a segnare, ma il guardialinee segnala un assurdo fuorigioco, in quanto Carta, che in quel momento si trova davanti alla linea dei difensori non partecipa all'azione, mentre Pischedda A al momento del lancio si trova di gran lunga dietro all'ultimo difensore giallorosso. Scoraggiata ma non vinta, la Romangia continua ad assaltare, mentre il Macomer si fa vivo nell'area sorsese solo su calci piazzati. Mister Manunta prova a smuovere le acque, e inserisce Tirotto al posto del dolorante Santoni e Cacace al posto di Marreu. Su una punizione di Sechi GL Mannurita fa torre su Pischedda G, che incredibilmente sbaglia ad un metro dalla linea di porta mandando alto sulla traversa un pallone che doveva solo essere appoggiato in rete. Al 40' brivido per la Romangia, con Contini GF che sbaglia un appoggio fuori area tentando un dribbling a rientrare, ma per fortuna recupera Cappai e sventa il tentativo del raddoppio giallorosso. Negli ultimi minuti la Romangia continua a provarci, ma le occasioni non arrivano, e la partita finisce tra la rabbia per le occasioni sprecate.
Ora la situazione inizia a farsi dura, con due soli punti racimolati in 5 partite e due sconfitte interne. C'è da dire che stavolta la sfortuna (e gli arbitri) ha fatto ancora una volta da padrona, e nonostante stavolta la Romangia abbia creato un elevato numero di azioni da goal anche senza affidarsi ai calci piazzati. Purtroppo ancora una volta si sono sbagliati goal praticamente già fatti, e il risultato è zero punti e un grande rammarico.
Appuntamento per domenica prossima a Olmedo.
MIGLIOR GIOCATORE DELLA PARTITA: ANTONELLO MANNURITA
COSI' LA 5° GIORNATA
BORORE - LATTE DOLCE 0-1
BUDDUSO' - ARBUS 2-3
GIALETO - MONTE ALMA 1-0
ILVAMADDALENA - R. VILLACIDRO 1-1
ORIONE 96 - OLMEDO 1-3
ROMANGIA - MACOMER 0-1
TORRES - BOSA 3-0
VALLEDORIA - USINESE 0-0
RIPOSO: GHILARZA

sabato 18 ottobre 2008

IN ATTESA DELLA PARTITA

In attesa della sfida di domani contro il Macomer, facciamo il punto della situazione. In fondo alla classifica non si è mosso praticamente nulla nelle ultime giornate, e Romangia, Gialeto, Latte Dolce e Monte Alma hanno sempre gli stessi punti. La Romangia sembra affrontare una fase piuttosto delicata, nella quale deve ancora esprimere al meglio il potenziale della squadra.
Vedremo intanto quanto il nuovo acquisto Mannurita riuscirà ad inserirsi nel gruppo, e pare che già domani potrebbe essere convocato, anche se non si sa se partirà dalla panchina. Ma la pazienza è d'obbligo, la squadra ha subito profondi cambiamenti rispetto alla passata stagione, e vedremo sicuramente a breve un netto miglioramento nelle prestazioni. Negli ultimi allenamenti è stata prestata particolare attenzione negli schemi offensivi, accorgimento più che necessario per fare fronte alla penuria di goal che sembra affliggere la formazione di Beniamino Manunta.
Il Macomer nelle prime giornate ha collezionato 5 punti, con una vittoria, due pareggi e una sconfitta. Nell'ultima giornata ha pareggiato in casa contro la fortissima Orione 96. Si preannuncia quindi una partita molto difficile, che la squadra di Sorso dovrà affrontare con la giusta grinta e determinazione.
Forza Romangia!!!

giovedì 16 ottobre 2008

ALLENAMENTO INFRASETTIMANALE

Come di consueto si è svolto oggi il secondo allenamento settimanale con la classica partitella. C'è tanta voglia di dimenticare la partita di Villacidro, e l'impegno affinchè questo accada si vede. Come annunciato ha partecipato agli allenamenti odierni il neo-acquisto Antonello Mannurita, mentre sembra quasi recuperato in pieno Andrea Sechi.

Ancora nulla per quanto riguarda il candidato che potrebbe rinforzare l'attacco romangino. Nelle prime 4 gare del campionato la Romangia ha realizzato 3 reti, di cui 1 su rigore e 2 su calcio di punizione, segno evidente di un periodo non facile vivino alla rete avversaria. C'è da dire però che gli assist per gli attaccanti hanno scarseggiato, a causa di una sorta di mancanza di dialogo tra centrocampo e attacco.
Tralasciando però la partita di Villacidro, la squadra ha sempre dimostrato di avere ottime qualità tecniche, ma che vuoi un pò di sfortuna, vuoi perchè la squadra ha subito forti cambiamenti rispetto allo scorso campionato, non riesce a concretizzare quanto di buono potrebbe esprimere.
Ci sarà però bisogno di pazienza e di duro lavoro, perchè alla fine, ne siamo sicuri, questa squadra riuscirà ad ingranare finalmente un'ottima marcia e a stupire i detrattori.



mercoledì 15 ottobre 2008

CAMPAGNA ACQUISTI


Notizia confortante e ottimistica in vista per quanto concerne la formazione romangina. E' in arrivo infatti Antonello Mannurita, giocatore di grande talento ed esperienza. L'annuncio è stato dato ieri dall'allenatore Beniamino Manunta, durante il primo allenamento della settimana. Sembra che i risultati non del tutto soddisfacenti che sono emersi durante quest'inizio di campionato, piuttosto duro per la compagine sorsense, abbiano convinto la società biancorossa a rientrare sul mercato in cerca di rinforzi, e ne sono tornati con un giocatore di grande spessore tecnico e atletico. Mannurita infatti ha militato a lungo nel campionato di serie D con il Castelsardo, collezionando spesso prestazioni da protagonista, grazie all'ottima visione di gioco e un ottimo destreggiarsi con la palla tra i piedi.
Stando a quanto annunciato dovrebbe iniziare ad allenarsi con la Romangia già domani, ma non è dato di sapere se mister Manunta abbia intenzione di metterlo in campo o anche solo convocarlo per la partita di domenica a Sorso contro il Macomer. Inoltre pare che la società sia in cerca di un attaccante di peso che possa garantire spessore e continuità all'attacco biancorosso, ma non sono ancora trapelate indiscrezioni su quale sia il giocatore addocchiato.

lunedì 13 ottobre 2008

4° GIORNATA R. VILLACIDRO - ROMANGIA 3-1

Finisce con una pesante sconfitta la lunga trasferta di Villacidro, che per varie peripezie era iniziata male già da Sorso. Sconfitta ancor più pesante perchè maturata a fronte di una superiorità quasi schiacciante da parte del Villacidro, ma che può essere in parte giustificata dalla frustrazione e dalla stanchezza dovute ad un viaggio ricco di imprevisti e guai, che ha fatto giungere la squadra di Sorso in ritardo al capoluogo campidano, costringendo i biancorossi a pranzare praticamente poco prima della partita.
La Romangia scende in campo con Contini GF, Pischedda G, Santoni, Roggio, Sechi GL, Cappai, Marreu, Contini T, Pischedda A, Sanna e Schintu. Modifiche sostanziali per quanto riguarda l'assetto, con Sechi a centrocampo e Schintu sulla fascia sinistra arretrato rispetto al suo ruolo tradizionale di attaccante.
L'inizio sembra promettente, la Romangia anzichè studiare cerca di imporre il ritmo e di attaccare, già al 3' minuto una punizione di Sechi GL trova pronto in area Pischedda A, che colpisce di testa da distanza ravvicinata; Mennella ha i riflessi pronti e riesce a deviare il tiro con la punta delle dita, e da lì in poi è un monologo villacidrese. Un minuto dopo infatti è Contini GF a dover deviare un forte tiro dei locali, sulla ribattuta viene annullato il goal di testa per evidente fuorigioco, ma è solo il preludio della capitolazione romangina. Il Villacidro passa al 18', con un corner di Damiano sul quale si avventa Mingoia di testa, e Contini non può fare nulla. Il forcing dei locali fa sì che la difesa sorsese non riesca quasi mai a contenere gli attacchi, e al 30' arriva il secondo goal. Lancio lungo di Mingoia sul filo del fuorigioco per Ibba, che con una serie di finte riesce a liberarsi per il tiro, che effettua con estrema precisione all'incrocio dei pali, di fronte ad un impotente Contini. 5 minuti dopo la tegola finale, con un penalty assegnato dall'arbitro per un tiro deviato da Roggio con un gomito. Batte Mingoia che non sbaglia, e si va al riposo con un secco 3-0 che demoralizza fortemente i romangini.
Al rientro dagli spogliatoi l'unica novità è rappresentata dall'ingresso di Carta al posto di Schintu, ma a livello di gioco non cambia tantissimo, anche se comunque i sorsesi riescono in qualche modo a contenere gli attacchi gialloneri. Con una partita ormai chiusa, è Contini GF a fare in modo che il passivo non sia più pesante, con una serie di parate su Ibba, Porcu, Cadoni e Mingoia. La Romangia comunque non disdegna di impegnarsi, a al 38' viene annullato per fuorigioco dubbio un goal a Pischedda A. C'è il tempo per l'ingresso di Musino al posto di Sanna e di Tola al posto di Cappai, prima che una punizione del solito Sechi, deviata da un difensore, renda meno pesante il passivo della partita.
Vittoria meritata per la capolista R. Villacidro, dunque, che si impone di forza contro la matricola Romangia, mentre per i sorsesi rimane la delusione per una sconfitta maturata a causa di un inizio non proprio da manuale calcistico. Probabilmente la peggior partita giocata finora, ma che servirà di lezione per il futuro, il campionato è ancora lungo e l'obiettivo salvezza deve passare attraverso altri campi, non certo fuori casa contro una formazione che si annovera tra le candidate alla vittoria finale. Unica nota negativa dei villacidresi alcuni tifosi poco edificanti, che in barba alla sportività hanno continuato ad insultare i sorsei per tutta la durata della partita. Appuntamento per domenica prossima a Sorso contro il Macomer.

MIGLIOR GIOCATORE DELLA PARTITA: GIANFRANCO CONTINI

COSI' LA 4° GIORNATA

ARBUS - VALLEDORIA 2-1
BOSA - ILVAMADDALENA 1-2
GHILARZA - GIALETO 2-1
MACOMER - ORIONE 96 0-0
MONTE ALMA - TORRES 1-2
OLMEDO - BUDDUSO' 1-1
R. VILLACIDRO - ROMANGIA 3-1
USINESE - BORORE 1-1
Riposo LATTE DOLCE

A presto con la sintesi della partita.

Nota dell'amministratore del blog: ieri rivedendo la partita al bar, la superiorità del Villacidro non era così schiacciante come sembrava, e fino al goal dei gialloneri la Romangia ha tenuto testa alla capolista.

sabato 11 ottobre 2008

PRE-PARTITA

Trasferta lunga domani per la Romangia, sul campo del Riunite Villacidro, in provincia del Medio Campidano. La squadra del sud Sardegna ha dimostrato nelle prime giornate di poter aspirare alla promozione in Eccellenza, con due vittorie di cui una esterna a Valledoria ed un pareggio esterno contro la fortissima Orion 96. Il Villacidro si trova in testa alla classifica, anche se c'è da considerare che la Torres, grande favorita alla vittoria finale, ha una partita in meno rispetto ai villacidresi.
La classifica vede i biancorossi di Sorso attualmente al quart'ultimo posto con due punti e uno score di due pareggi e una sconfitta, ma c'è da considerare che il campionato è solo all'inizio e la squadra deve ancora trovare il giusto assetto e la sua identità precisa. A volte infatti sembra avere un atteggiamento aggressivo che vuole imporre il proprio gioco, altre invece sembra più prudente e preferisce colpire in contropiede. Domani sarà una partita importante come test per valutare la crescita complessiva, e per vedere il comportamento della squadra di fronte ad una delle favorite alla vittoria finale.
Appuntamento per domani a Villacidro per le 16:00, e come sempre forza Romangia!!!

venerdì 10 ottobre 2008

SONDAGGIO

Sarei grato ai visitatori di questo blog se volessero partecipare al sondaggio qui a sinistra per decidere sulla questione dei video della Romangia. Tenete presente che per una sintesi video di 3-4 minuti occorre più tempo per il montaggio video e audio, e quindi ci potrebbe volere anche un giorno intero o due, compatibilmente con altri impegni.

Grazie
L'amministratore del Blog Francesco Canu

Sondaggio Chiuso

domenica 5 ottobre 2008

3° GIORNATA: ROMANGIA - BOSA 1-2

Arriva come una doccia fredda la prima sconfitta in campionato per la Romangia Sorso, ad opera di un Bosa che ha fatto ben poco per meritare questi tre punti, frutto di due errori difensivi. E dire che all'inizio sembrava quasi che la Romangia dovesse straripare, ma gli ormai noti problemi di attacco hanno impedito ai biancorossi di chiudere la partita quando ancora il Bosa non riusciva ad affacciarsi in area di rigore.
La Romangia scende in campo con Contini GF, Tola, Santoni, Sechi GL, Pischedda G, Contini T, Cacace, Marreu, Sanna, Carta e Schintu. Prova quindi le due punte mister Manunta, che vorrebbe ottenere i primi tre punti nello stadio La Piramide. Assenti di oggi risultano Pischedda A, Cappai e Sechi A.
L'inizio è promettente, con Sanna che riesce a smistare bene e pungere, purtroppo però Carta e Schintu non appaiono brillanti e soprattutto non dialogano. Già a pochi minuti dall'inizio Carta ha la palla per il vantaggio a tu per tu con l'estremo difensore del Bosa, ma il portiere riesce in qualche modo a chiudere lo specchio. Seguono fasi di gioco talvolta confuse, a causa di un centrocampo non proprioben bilanciato. Dopo dieci minuti il vantaggio dei sorsesi. Carta procura una punizione defilata sulla sinistra, atterrato vistosamente, e capitan Sechi si incarica di battere. Ne esce un tiro stupendo, che inganna il portiere, che probabilmente si aspettava un cross in area. Il pallone si infila sulla sua sinistra ed è uno a zero, secondo goal in questo campionato per la squadra di Sorso. Sembra tutto in discesa, ma la Romangia si complica la vita. Prima Carta e poi Schintu si intestardiscono, e anzichè servire il compagno libero provano la botta, che si perde debolmente tra le braccia del portiere. Per tre volte Schintu e Carta vengono fermati per fuori gioco perlomeno dubbio, Carta addirittura fermato dopo una decina di secondi mentre dribblava il portiere, durante i quali il guardialinee decide di punto in bianco di segnalare fuorigioco. Cacace e Marreu d'altro canto non riescono ad inserirsi nella partita, e spesso le fasce rimangono vuote. Schintu riesce poi a liberarsi in area e calciare, ma il tiro alto sopra la traversa Al primo errore difensivo arriva l'inspiegabile pareggio del Bosa. Uno spiovente in area capita tra le gambe dell'attaccante, che indisturbato batte a rete girandosi verso la porta. 1-1 tra gli sguardi attoniti di chi pensava che la partita stesse volgendo a favore dei sorsesi, che però risultano troppo spreconi nella metacampo avversaria.
Nel secondo tempo è il Bosa a prendere coraggio e ad attaccare, almeno inizialmente, perchè le palle goal più nette capitano sempre alla Romangia, che continua a non concretizzare quanto di buono costruito. Schintu ha facoltà di servire Pischedda defilato sulla sinistra, che lasciato solo avrebbe campo libero per battere a rete, ma preferisce tirare. Ne esce un tiro debole che non impensierisce il portiere e fa esplodere la rabbia di mister Manunta. Il gurdialinee non sembra darci una mano, e continua a sbandierare fuorigioco, anche quando sembra che palesemente Carta sia in gioco. Arriva la prima sostituzione, Tirotto al posto di Schintu. Il primo riesce subito a liberarsi in area su un cross, ma il colpo di testa è debole. Un ennesimo lancio lungo del Bosa, in sospetto fuori gioco, porta in vantaggio la formazione ospite tra lo stupore generale. Pischedda e Sechi cercano disperatamente di recuperare, ma non possono fare nulla. Parte allora la carica alla ricerca del pareggio, e anche il capitano Sechi si fa avanti. Su alcune mischie in area Carta non riesce a trovare il pallone da ribattere in rete, e allora cerca di portare avanti lui la palla dalla fascia, riesce a crossare ma senza fortuna. Entrano Masiero al posto di Marreu e Musino al posto di Cacace. Una punizione di Carta sfiora il palo. Lo stesso Carta ha la ghiotta occasione di pareggiare prima che l'arbitro fischi la fine, ma solo in mezzo all'area calcia altissimo, e il Bosa porta a casa tre punti insperati.

C'è rabbia per le occasioni sprecate, soprattutto sull'uno a zero, ma la partita è stata giocata comunque bene, pur senza concretizzare, e questo non deve abbattere. C'è molto da lavorare ancora, soprattutto avanti.
MIGLIOR GIOCATORE DELLA PARTITA: GIANLUCA SECHI
(domani posterò il video del goal su punizione di Sechi)

COSI' LA TERZA GIORNATA

BORORE - ARBUS 1-0
BUDDUSO' - MACOMER 1-1
ILVAMADDALENA - MONTE ALMA 2-1
LATTE DOLCE - USINESE 1-3
ORIONE 96 - R. VILLACIDRO 0-0
ROMANGIA - BOSA 1-2
TORRES - GHILARZA 5-0
VALLEDORIA - OLMEDO 0-1
RIPOSO: GIALETO
Domenica prossima appuntamento contro la capolista R. Villacidro, in una trasferta che si annuncia difficilissima.




Sintesi della partita da parte dal sito ilterzotempo , che si occupa del calcio sardo dilettantistico dalla seconda categoria all'Eccellenza.

sabato 4 ottobre 2008

PREPARTITA


Grande attesa per la sfida di domani tra la Romangia e il Bosa. La Romangia insegue la prima vittoria ufficiale di questa stagione, e c'è da chiedersi se mister Manunta abbia intenzione di mantenere l'atteggiamento tattico prudente del 4-5-1 utilizzato finora oppure se avrà un atteggiamento più spregiudicato, magari affidando l'attacco a due punte (Schintu e Carta?). Gli infortuni e imprevisti che si sono verificati non hanno di certo aiutato. Fuori ancora Andrea Pischedda e Andrea Sechi, mentre per fortuna rientra Ivan Sanna, che ha scontato la squalifica rimediata nella prima giornata. Finora il problema principale della Romangia è sembrato essere l'attacco, mentre il gioco di squadra è ottimo e le manovre ragionate e attente.
Occhi puntati su quali saranno i bomber di quest'anno a segnare il campionato romangino.
A Sorso arriverà il Bosa, ansioso di riscattare l'avvio disastroso di campionato, dove ha rimediato due sconfitte consecutive contro Buddusò e Orion 96. Il campionato è però appena agli inizi, e quindi non si sa ancora bene quali siano gli equilibri per fare pronostici attendibili. Per la Romangia si tratta di squadre che non ha mai incontrato, e sarà interessante quindi valutare come i giocatori riusciranno ad adattarsi agli schemi avversari.
Nel frattempo la speranza è che finalmente i sorsesi facciano sentire la loro presenza nello stadio, e l'auspicio è che sia lo storico "La Piramide", quando non la promozione vincente dello scorso anno, a risvegliare la voglia di calcio di questa cittadina.
Domani alle 16:00 il fischio d'inizio nel glorioso stadio La Piramide.

giovedì 2 ottobre 2008

STADIO LA PIRAMIDE


E' finalmente pronta l'erba del campo di gioco dello stadio "La Piramide" di Sorso, che probabilmente come dimensioni e capienza è il più grande del campionato di promozione, dopo il "Vanni Sanna" di Sassari.
Questo storico impianto ha visto tempi luminosi verso la fine degli anni '80, ospitando ben 4 campionati di serie C2. Nella stagione 1986/87 in questo stadio si giocò l'ultima partita ufficiale tra il Sorso Calcio e la Torres (grazie mille al tifoso torresino che ci ha fornito i risultati e le formazioni dell'epoca nei commenti) ; quell'anno la Torres festeggiò il suo rientro nella serie C1, conquistando la vittoria del campionato con largo vantaggio sulle altre squadre.
L'ultima partita del campionato di serie C2 invece venne giocata nella stagione 1988/89. Per la cronaca la partita fu Sorso - Alessandria 0-0, e fu uno dei pochi punti conquistati in quella disastrosa stagione, tra l'altro contro un'Alessandria già promossa e ansiosa di andarsene a casa per godersi l'accesso in C1. Prima di allora il Sorso disputò 3 campionati dignitosi e meritevoli, conquistando ben 32 punti e finendo il campionato con l'11° posizione in classifica, lontanissimo dalla zona calda della retrocessione. Dopo di allora per il calcio sorsense conobbe solo disastri, con qualche sprazzo di vivacità con la promozione dell'altra compagine cittadina, l'Esperia Sorso, poi fallita, mentre la storica tifoseria bianco-celeste, i Lions, si erano già sciolti da tempo. In questo stadio il Sorso tentò l'assalto alla promozione per due volte, fallendo però nelle ultime giornate. Vederlo oggi, con le tribune ormai vecchie, ben lontane dallo splendore del passato, e con quella che un tempo fu l'unica pista di atletica in Sardegna ad avere 8 corsie piena di buche e vere voragini, fa un pò di nostalgia.
In compenso il terreno di gioco è praticamente quasi perfetto, e sembra che i giocatori non vedano l'ora di potervi giocare. Il lavoro svolto è stato encomiabile, l'erba è compatta e soffice, e forse non era nemmeno così perfetta negli anni 80', quando l'impianto fu costruito.
Oggi il Sorso Calcio non esiste più, e la prima squadra della città è la Romangia Sorso, che solo pochi anni prima era sempre stata la cenerentola delle società cittadine, e che oggi è chiamata ad onorare la memoria del calcio-favola della Sorso che fu.
Nel frattempo il sondaggio su quale stadio preferite ha visto nettamente vittorioso lo stadio La Piramide, anche se giustamente qualcuno nostalgico ha votato per il Madau, lo stadio che vide la partita decisiva per la promozione in C2 del Sorso Calcio, e che vide nascere la società Romangia.
Domenica appuntamento per le 16:00 allo stadio La Piramide, per la partita Romangia - Bosa.