Home
Andata
Ritorno
Calendari
Storia
News
Video
Classifica
Foto
Squadra
Marcatori
Giovanili
Juniores
Allievi
Giovanissimi
Sponsor
COMUNICAZIONE DI SERVIZIO: CERCO INFO STORICHE DEL CALCIO A SORSO, INFO CRONOLOGICHE SULLA NASCITA DELLE SOCIETA' SORSO CALCIO, ESPERIA SORSO E ROMANGIA, FOTO SCANNERIZZATE, ARTICOLI ECCETERA. SE QUALCUNO VOLESSE CONTRIBUIRE MI PUO' CONTATTARE ALLA MAIL cescocanu@sorsocalcio1930.com

venerdì 28 novembre 2008

IL PUNTO

(Foto: Tore Roggio in marcatura su un attaccante del Borore)
Il campionato, agguerrito più che mai, mostra segni evidenti di equilibrio. La Torres, dopo aver infilato 6 vittorie consecutive, appare in difficoltà ed è già alla ricerca di rinforzi per non dover rischiare di perdere l'occasione di salire di categoria, che per una squadra come quella sassarese sarebbe un disastro. C'è da dire però che le prove di fuga sono già iniziate, e sembra che Torres e Olmedo siano in grado di mantenere le prime due posizioni, seguite però dappresso da un Riunite Villacidro che continua a macinare vittorie. Domenica big match nella stracittadina di Sassari tra Torres e Latte Dolce.

Intanto una sensibile variazione rispetto allo scorso campionato si può già notare. Per la Nuova Sardegna, il giornale più diffuso nel nord dell'isola, esiste solo la Torres, mentre tutte le altre squadre vengono ignorate e relegate a semplici comparse, su un palcoscenico che sembra avere, mentre la realtà dice esattamente il contrario, un'unica protagonista. La situazione è talmente avvilente che si parla delle altre squadre solo quando incontrano la Torres, con tanto di interviste agli altri tecnici, che per il resto del campionato verranno ignorati.
L'unico articolo apparso sulla Romangia che non fosse pubblicato di lunedì è stato un trafiletto nella cronaca locale, con due mie foto, tagliate male perchè prese direttamente con copia e incolla da questo sito, e quindi in bassa risoluzione, con il risultato di una stampa schifosa, tra l'altro senza citare il sito dalla quale è stato attinto il materiale, e senza chiedermi delle foto (che come vedete scritto a fianco gli avrei dato in maniera totalmente gratuita) con una risoluzione migliore e quindi presentabile in stampa. Mi scuso per lo sfogo off-topic, ma a causa di questo atteggiamento su questo sito d'ora in poi si parlerà di Torres unicamente quando affronterà la Romangia, senza trattamenti di riguardo ricevuti dalla stampa.
(Foto: Tore Contini mentre si scalda)
Intanto la Romangia sembra attraversare un periodo relativamente positivo, nelle ultime quattro partite il bilancio è di 2 vittorie, 1 pareggio ed una sconfitta di misura contro l'Usinese. Rispetto all'inizio sostanzialmente disastroso, con i due pareggi e le quattro sconfitte consecutive sembra un risultato più che ottimo. Grazie infatti agli ultimi punti conquistati i biancorossi di Beniamino Manunta sono riusciti a disincagliarsi dai bassifondi, e domenica ci sono le premesse, in caso di vittoria, di fare un grosso balzo in avanti, essendo praticamente a pochi punti dalla parte media della classifica.

Chi sale:

Tore Roggio: inizialmente escluso dalla rosa titolare, ha piano piano riconquistato il suo ruolo in squadra, grazie a prestazioni di tutto rispetto sostituendo egregiamente chi era infortunato.

Tore Contini: domenica il suo ingresso ha reso un pò più fluida la manovra biancorossa, ma sebbene, un pò come il resto della squadra, non abbia brillato particolarmente, rimane un punto di riferimento a centrocampo. Come tutti i giocatori tecnici, insieme a Mannurita, ha risentito del pessimo terreno di gioco, duro come l'asfalto, ma ha comunque svolto bene il suo ruolo.

Paolo Carta: nonostante la lunga assenza, ha risposto prontamente alla chiamata di mister Manunta quando c'è stato bisogno di lui nei momenti più difficili della partita, e l'attaccante sassarese non si è fatto pregare. E' subito entrato in partita, con fraseggi insieme al suo omonimo Antonio, e procura il rigore, sacrosanto, che evita la sconfitta ai sorsesi.

Antonio Carta: gli ottimi giocatori si vedono anche quando non offrono grandi prestazioni, e Antonio Carta non fa eccezzione. Nonostante infatti una partita un pò sotto i suoi ritmi, riesce comunque ad essere determinante. Suo il perfetto cross per la testa di Luciano Santoni, che sigla l'1-0, e suo anche il passaggio in area per Paolo Carta che si procurerà un rigore. Si incarica di batterlo, nonostante la tensione degli ultimi secondi di partita, ma con freddezza spiazza il portiere.

martedì 25 novembre 2008

BORORE - ROMANGIA: LA SINTESI

Ecco la sintesi video della partita tra Borore e Romangia, finita 2-2 con goal di Santoni e Carta per la Romangia e autorete di Mannurita e Arbau per il Borore. Nulla da eccepire sul fatto che il Borore potesse meritare qualcosa in più, ma vorrei far notare che sul calcio d'angolo che ha generato il pareggio dei padroni di casa ci sono molti dubbi, mentre il fallo di Gianluca Sechi dal quale nasce la punizione del vantaggio del Borore è praticamente inesistente, perchè si tratta di contrasto sul quale il capitano biancorosso ruba la palla nettamente. Inoltre è sospetta la posizione di Arbau, che al momento in cui il suo compagno colpisce di testa sembrerebbe in fuorigioco.

domenica 23 novembre 2008

10° GIORNATA: BORORE - ROMANGIA 2-2

(Foto: Beniamino Manunta prima della partita)
Pareggio soffertissimo nella trasferta della decima giornata per la Romangia Sorso di Beniamino Manunta. Nonostante una partita non certo brillante, a tratti piuttosto scarsa, i biancorossi riescono a strappare un punto prezioso, riuscendo a non concedere punti ad una squadra che è diretta concorrente nella lotta per la salvezza. Lo scarso rendimento è in parte da imputare anche al pessimo terreno di gioco, che creava rimbalzi imprevedibili, ai quali i giocatori di Borore erano abituati.

(Foto: Luciano Santoni subito dopo il goal del vantaggio)
La Romangia scende in campo con Contini GF, Santoni, Pischedda G, Sechi GL, Roggio, Sanna, Cacace, Mannurita, Pischedda A, Carta A e Sechi A. Differenze sostanziali quindi rispetto alla partita contro il Latte Dolce, con Ivan Sanna al posto di Tore Contini e Cacace dal primo minuto al posto di Marreu.
Il Borore risponde con Sechi, Porcu, Vinci, Lai, Porcu F, Niola, Tola, Figus, Melis, Arbau e Scanu. All. Arca
Arbitro Martinuzzi di Alghero

(Foto: Il Borore manovra a centrocampo)
La partenza è buona, anche se il Borore dimostra subito di essere in buona forma, costruendo le prime azioni. Alla prima occasione sorsese però la Romangia passa subito in vantaggio. Santoni serve cacace sulla linea di fondo, e il centrocampista biancorosso guadagna una punizione. Se ne incarica Antonio Carta, che pennella un cross perfetto sul quale Luciano Santoni devia leggermente con la testa, depositando la palla in rete all'angolino basso sulla sinistra del portiere. Poco dopo su un contropiede la Romangia potrebbe anche raddoppiare, grazie ad una bella cavalcata di Andrea Sechi sulla destra; arrivato in area però l'ala di Sorso si allunga troppo il pallone, e il portiere biancoblu riesce a bloccarlo. Da questo momento il Borore tiene in mano le redini del gioco, rendendosi subito pericoloso con passaggi in mezzo all'area. Mannurita e Pischedda non appaiono brillanti, e il centrocampo ne risente parecchio. Contini GF deve salvare per ben due volte su tiro ravvicinato di Melis e Arbau, lasciati soli in area. Un altro tiro finisce di pochissimo a lato sulla sinistra del portiere sorsese. La Romangia appare priva di lucidità nel gestire la palla, compito reso ancora più arduo dal pessimo campo del Borore. Al 40' un calcio d'angolo regalato dall'arbitro innesca il pareggio del Borore, che arriva a causa di una sfortunata deviazione di Mannurita nella propria porta.
(Foto: Antonio Carta)
Nel secondo tempo non si cambia registro, e il Borore continua a premere. Per fortuna Pischedda G e Roggio riescono a contenere nel limite del possibile gli attacchi biancoblu, che però si fanno sempre più pericolosi. La Romangia infatti non riesce a a gestire bene la palla come invece ha fatto nelle altre partite, e allora mister Manunta prova a cambiare, inserendo prima Tore Contini al posto di Sanna e successivamente Marreu al posto di Cacace. Il Borore fa cambi di routine, e su un calcio da fermo firma il vantaggio. Palla lunga e alta, sulla quale Contini GF sbaglia l'uscita, il pallone è spizzicato dall'attaccante bianco blu e finisce a due passi dalla porta sguarnita, e ad Arbau non rimane altro che accompagnare la palla in rete. La Romangia sembra quasi spacciata, e la difesa del Borore concede pochissimo. Avrebbe l'occasione per pareggiare, ma Pischedda, imbeccato in area da Carta, viene fermato dal guardialinee per fuorigioco alquanto sospetto. Mister Manunta allora prova l'ultima mossa, inserendo Paolo Carta al posto di Andrea Sechi. Il gioco sembra acquistare un pò di vigore, e perlomeno si riesce ad impedire ai padroni di casa di rendersi ancora pericolosi. La partita volge al termine, ma il duo Carta-Carta riesce a raddrizzare il risultato. Splendido passaggio filtrante di Antonio per Paolo, che riesce ad addomesticare il pallone trovandosi a tu per tu con il portiere Sechi. L'estremo difensore del Borore gli rovina addosso, e l'arbitro assegna il rigore, espellendo il portiere, come già aveva fatto con il tecnico dei padroni di casa 20 minuti prima per proteste. Antonio Carta si incarica di battere il tiro dal dischetto, ma questa volta non sbaglia e spiazza il secondo portiere Piras, entrato al posto di Porcu, per il 2-2 finale.

(Foto: Ivan Sanna supera un avversario)

Pareggio risicato, dunque, ma piuttosto prezioso. D'altronde i biancorossi sono in forte debito con la dea bendata, avendo perso molti punti in partite che avrebbero meritato ampiamente di vincere. Qualche nervosismo di troppo per i padroni di casa, che hanno protestato vivacemente in occasione del rigore concesso, ma come si può ben vedere dal replay è il portiere del Borore a commettere l'errore decisivo, concedendo ingenuamente il penalty agli ospiti.

MIGLIOR GIOCATORE DELLA PARTITA: TORE ROGGIO

Prossima partita a Sorso, in una sfida insidiosa contro il Valledoria.

COSI' LA 10° GIORNATA

ARBUS - GIALETO 2-0
BORORE - ROMANGIA 2-2
LATTE DOLCE - ILVAMADDALENA 1-0
MACOMER - MONTE ALMA 3-0
OLMEDO - GHILARZA 2-1
R. VILLACIDRO - BOSA 3-0
USINESE - TORRES 0-0
VALLEDORIA - ORIONE 96 0-0
RIPOSO: BUDDUSO'

sabato 22 novembre 2008

PRE-PARTITA

(Foto: Francesco Marreu in azione contro il Latte Dolce)
Arriva un'altra sfida importante in chiave salvezza, contro una squadra che come la Romangia ha avuto accesso al campionato di Promozione nella stagione 2007/2008. 2 punti separano in classifica le due squadre, nell'ultima giornata il Borore è stato sconfitto in trasferta da una ritrovata Orione 96, mentre la Romangia ha centrato la seconda vittoria stagionale.
La sfida di domani servirà anche a capire quali siano le potenzialità di questa squadra tra le mura nemiche. Unico assente di domani Alberto Cappai, squlificato a causa dell'accumulo di ammonizioni, mentre dovrebbe rientrare il capitano Gianluca Sechi. Verosimilmente quindi sarà ancora in campo Tore Roggio, che nelle ultime partite si è difeso bene.
Intanto in testa il duo Torres-Olmedo tenta la fuga, tallonato da Villacidro e Ilvamaddalena. In chiave salvezza il Monte Alma conquista il terzo punto contro la fortissima Villacidro, forse galvanizzata dal ritorno dell'allenatore Jhonny Manunta, e agguanta il Gialeto, sconfitto in casa dall'Olmedo.

Appuntamento per le 15:00 a Borore, e ovviamente Forza Romangia!

venerdì 21 novembre 2008

IL PUNTO

(Foto: soddisfazione nel finale di partita con il Latte Dolce)
Finalmente la situazione sembra essersi sbloccata, e se anche è vero che non si potrà mai dire di essere al sicuro fino alla fine del campionato, finalmente si sono scoperte quali possono essere le potenzialità di questa squadra. Analizzando infatti l'ultima partita sembra che le idee in campo siano molte, il gioco è fluido, soprattutto a centrocampo, le palle perse sono davvero poche e gli errori quasi ininfluenti. Si vede inoltre un'ottimo schema condotto da difesa e centrocampo, il tutto orchestrato con maestria da Mannurita, Carta e Contini.

(Foto: Antonio Carta difende il pallone)

Chi sale:

Andrea Pischedda; finalmente il promettente giovane attaccante di Sorso si è sbloccato, e con quattro reti all'attivo può tranquillamente essere indicato come un elemento di spicco non solo della Romangia, ma dell'intero campionato di Promozione. Il goal di domenica contro il Latte Dolce è stata una perla di bravura, una marcatura da attaccante di razza. Goleador.
Antonio Carta; il nuovo innesto, fortemente voluto da mister Manunta, ha portato qualità al gioco della Romangia, smistando palloni in avanti per Andrea Pischedda e Andrea Sechi. Domenica ha sbagliato un rigore, ma si è rifatto ampiamente con un'ottima prestazione, coronata con uno stupendo goal da 30 metri. Indispensabile.
Antonello Mannurita; continua a crescere il centrocampista ex Castelsardo e Usinese, dimostrando di essersi inserito perfettamente nel gruppo, addirittura con autorità. Sicurezza.
Luciano Santoni; non era facile gestire la partita, con il capitano in carica (Gianluca Sechi) squalificato, ma lo ha fatto con tutta la sicurezza che lo contraddistingue, bloccando più volte sul nascere gli attacchi sassaresi, coadiuvato anche da una ottima prestazione di Roggio. Granitico.
Andrea Sechi; avevamo detto alcune partite fa che si tratta di un giocatore che può fare prestazioni straordinarie, e domenica lo ha confermato. Ha corso senza freni per l'intera partita, procura un rigore e salta gli avversari con una facilità disarmante, diventando padrone assoluto della sua fascia. Instancabile.
Chi potrebbe dare di più:
Francesco Marreu; ancora non ci siamo, alterna cose ottime a giocate un pò superficiali. Probabilmente non ha ancora raggiunto la condizione migliore, ma chi lo ha visto giocare l'anno scorso sa benissimo che è capace di ben altre prestazioni. Discontinuo.
Alberto Cappai; rispetto alle prime partite è leggermente calato, qualche errore di troppo, compensato comunque da recuperi eccellenti, come suo solito. Discontinuo.

mercoledì 19 novembre 2008

SINTESI ROMANGIA - LATTEDOLCE 2-1

Ecco la sintesi dettagliata della partita di domenica vinta dalla Romangia sui sassaresi del Lattedolce, diretti concorrenti per la lotta alla salvezza.

domenica 16 novembre 2008

9° GIORNATA: ROMANGIA - LATTE DOLCE 2-1

(Foto: Beniamino Manunta in tribuna)
Seconda vittoria stagionale per la Romangia Sorso, che guadagna tre punti preziosi grazie ad una prestazione maiuscola del reparto offensivo. Nonostante le difficoltà sul finale, si può dire tranquillamente che si tratta di una vittoria meritata pienamente. Il successo arriva grazie ad una super prestazione di Antonio Carta, di un devastante Andrea Sechi che sulla fascia ha messo in crisi la formazione sassarese, di un Mannurita che giganteggia a centrocampo e di un Andrea Pischedda che corona la sua bella partita con il quarto goal personale, diventando uno dei migliori marcatori della Promozione. Nulla da togliere ovviamente all'egregio reparto difensivo, che per tutto il primo tempo e buona parte del secondo ha impedito al Latte Dolce di tirare in porta, pur con qualche difficoltà a causa dell'assenza dello squalificato Sechi GL.

(Foto: Antonio Carta cerca di conquistare il pallone)
La Romangia scende in campo con Contini GF, Cappai, Pischedda G, Roggio, Santoni, Contini T, Mannurita, Sechi A, Carta A e Pischedda A. Assente quindi Sechi GL per squalifica, la difesa è affidata a Santoni e Roggio. Davanti a Carta A e Pischedda A mister Manunta lascia in rtibuna Ivan Sanna, preferendo invece Andrea Sechi, mentre il centrocampo è sempre quello collaudato nelle ultime due partite.
Il Latte Dolce si presenta a Sorso con Zancheddu, Cabras, Ruiu, Lungheu C, Monaco, Barneschi, Addis, Sechi, Ruggiu, Sotgiu e Zallo. All. Scotto.
Arbitro Pandolfo di Ozieri.
(Foto: Luciano Santoni in fase difensiva)
La prima frazione di gioco è perlopiù di studio, le squadre non si scoprono troppo e le azioni provengono più che altro da lanci lunghi. Il Latte Dolce sembra più solido, ma non riesce ad impensierire la difesa capitanata da Santoni. Sulla fascia Sechi riesce a impensierire i sassaresi con lunghe falcate, coadiuvato dai passaggi di Carta. Sulla prima discesa non riesce a mettere in mezzo per un soffio, mentre nella seconda non trova nessuno pronto a ribadire in rete il cross. Il Latte Dolce si fa vedere con calci piazzati senza però creare problemi a Contini. Al 20' la Romangia potrebbe passare in vantaggio. Passaggio di Carta per Sechi, che con disinvoltura salta il proprio marcatore e si invola in area diretto verso la porta; la difesa non può fare altro che atterrarlo. L'arbitro indica immediatamente il dischetto, e i sassaresi non protestano neppure. Si incarica del tiro Carta, ma il portiere biancoblu respinge, il pallone capita nuovamente tra i piedi di Carta, ma l'attaccante biancorosso spedisce alto a due passi dalla porta. Si dispera in tribuna il tecnico Manunta, che deve ancora scontare la squalifica rimediata contro l'Arbus. Poco dopo su uno sbaglio difensivo Carta inventa un pallonetto, ma a portiere battuto la palla sfiora la traversa. Il goal però è solo rimandato, la Romangia infatti non subisce il contraccolpo e continua a giocare con autorità. Al 30' il vantaggio. Palla a Mannurita, che serve carta defilato sulla destra; l'attaccante biancorosso indirizza il pallone immediatamente per Pischedda A, che entra in area e batte il portiere con uno splendido diagonale. 4° goal di Pischedda in promozione e Romangia che inizia ad assaporare i tre punti. Le squadre vanno a riposo con i sorsesi avanti uno a zero.

(Foto: La terna difensiva, dall'alto in basso, Pischedda G., Roggio e Santoni)

Nella ripresa nessun cambio, e dopo cinque minuti la Romangia raddoppia. Lancio lungo di Contini, il difensore del Latte Dolce respinge di testa, arriva in corsa Carta A che da 25 metri esplode un tiro micidiale sul quale il portiere sassarese non può nulla. Primo goal per il neoacquisto Antonio Carta, dunque, che oggi coronerà una prestazione superlativa. La Romangia continua a mantenere il baricentro alto, riuscendo ad impedire qualsiasi ripartenza biancoblu. Sechi intanto risulta essere una spina nel fianco per i sassaresi, e più volte risce a bucare la fascia sinistra, servendo al centro una quantità di paloni, sui quali però la difesa del Latte Dolce vigila bene. Scendono in campo Cacace, per la solita staffetta con Marreu, e Piga, che entra al posto di Carta, salutato dagli applausi. I sassaresi invece mandano in campo Marrosu e Falchi al posto di Cabras e Sotgiu. Quando tutto sembra archiviato su un errore difensivo nasce una punizione vicino al limite. Il tiro di Lungheu C buca la barriera, e Contini vede il pallone all'ultimo momento, non riuscendo a deviarlo in angolo. Sul 2-1 il Latte Dolce prende coraggio, e prova ad assediare la metacampo biancorossa. Santoni però govaerna bene, e pericoli seri non ne arrivano. Ultima sostituzione per il Latte Dolce, con Migheli al posto di Barneschi. Al 40' un brutto fallo su Andrea Pischedda, che per fortuna non sembra aver riportato conseguenze, nonostante l'intenzione del difensore sassarese fosse quella di fare male. Brividi nel finale, con un bel cross messo in mezzo, ma Contini GF riesce ad acchiappare il pallone al limite dell'area. Infine per guadagnare tempo l'ingresso di Tola al posto di Sechi. Triplice fischio e la tesione si allenta, con i tre punti conquistati meritatamente e che saranno preziosi per la salvezza.
(Foto: Antonio Carta festeggiato dopo il 2-0)

Con otto punti finalmente si può guardare con un pò di ottimismo al proseguo del campionato, la squadra è apparsa solida e il gioco inizia ad assumere concretezza, anche, finalmente, sotto porta. Soddisfazione per mister Manunta, che in settimana aveva annunciato che oggi avrebbe fatto di tutto per portare a casa i 3 punti, e la squadra di Sorso non ha deluso sotto alcun punto di vista.

COSI' LA NONA GIORNATA

BUDDUSO' - VALLEDORIA 0-4
GHILARZA - MACOMER 0-0
GIALETO - OLMEDO 0-2
ILVAMADDALENA - USINESE 1-0
MONTE ALMA - R. VILLACIDRO 1-1
ORIONE 96 - BORORE 3-2
ROMANGIA - LATTE DOLCE 2-1
TORRES - ARBUS 3-1
RIPOSO: BOSA
Prossima partita a Borore il 23 novembre.

sabato 15 novembre 2008

PRE-PARTITA

(Foto d'archivio: Masiero nella gara d'andata di coppa Italia contro il Latte Dolce)
Sfida diretta tra due squadre che lottano per la salvezza, domani a Sorso allo stadio La Piramide tra Romangia Sorso e Latte Dolce. Le due squadre si sono già affrontate in Coppa Italia nel pre-campionato. Nella doppia sfida la Romangia ha ottenuto un pareggio a Sassari e una sconfitta a Sorso, nonostante in campo la squadra di Beniamino Manunta è apparsa leggermente superiore. L'intenzione del tecnico della Romangia è evidente, e non vuole assolutamente regalare punti ad una probabile concorrente nella lotta per la salvezza.
L'ottava giornata intanto ha visto una sorpresa, con la Torres che subisce la prima sconfitta in campionato ad opera dell'Olmedo, che ora viene indicata come una delle probabili candidate a raggiugere il campionato di Eccellenza. Dietro il Monte Alma ha guadagnato finalmente un punto dopo un lungo digiuno, e intanto dopo un'iniziale smentita della società pare che il nuovo allenatore dei nulvesi sarà proprio l'artefice dela promozione dell'anno scorso, ovvero l'omonimo del tecnico romangino Jhonny Manunta. La Romangia è scivolata nuovamente al terzultimo posto, superata dal Borore e dal Latte Dolce, per cui la sfida di domani assume un'importanza più rilevante.
Appuntamento per domani alle 15:00 allo stadio La Piramide, e come sempre Forza Romangia!

giovedì 13 novembre 2008

INTERVISTA CON IL TECNICO DELLA ROMANGIA

Come promesso, ecco l'intervista al tecnico romangino Beniamino Manunta, che come sempre ha fiducia nella buona riuscita del campionato di Promozione, e il sottoscritto non può che condividere.
D: Allora Mister, innanzitutto buona sera (l'intervista è di ieri sera, ndr). Ci piacerebbe, come prima cosa, un'analisi di questo campionato, che sembra tutt'altro che scontato, visti gli equilibri che si sono visti in campo e l'alto livello tecnico messo in evidenza da molte squadre. Anche la Torres, che doveva essere lo "schiacciasassi", domenica ha ceduto all'Olmedo, squadra contro cui la Romangia ha perso solo per due occasioni fortuite.
R: Il campionato è senza dubbio il più competitivo degli ultimi anni, nobilitato dalla presenza della blasonata Torres, e qui la romangia sorso ha l’onore di parteciparvi dopo lunghi anni di assenza di una squadra sorsese. Sicuramente Torres, Olmedo, Villacidro e Usinese saranno lì a giocarsela, con qualche sorpresa, vedi l'Ilvamaddalena, noi giochiamo il campionato della salvezza, e per noi salvarci sarebbe come vincerlo.

D: Parliamo allora della Romangia in particolare. Quali sono le difficoltà incontrate finora, in un campionato nuovo? Abbiamo visto una Romangia competitiva e che gioca bene, ma non riesce ancora a trovare un equilibrio che le permetta di portare a casa il risultato.

R: Le difficoltà sono quelle di una matricola, che si deve calare nella nuova realtà, difficile, ma non impossibile, abbiamo perso partite che con più attenzione avremmo sicuramente pareggiato, o addirittura vinto, vedi Ghilarza, Nulvi, Macomer e Bosa, mentre le prestazioni a Olmedo e a Usini, oltre a lasciarci un pò di amaro in bocca, ci hanno anche dato la consapevolezza che possiamo giocarcela con tutti. Gli equilibri ci sono, la squadra con gli innesti di Mannurita e Carta è cresciuta, ora serve determinazione e carattere e lavorare sodo da parte di allenatore e giocatori, in quanto queste sono le armi da usare per uscire dai bassifondi della classifica.

D: A proposito di cambiamenti importanti, a campionato iniziato ha sentito il bisogno di rafforzare la squadra con due giocatori di sicuro spessore, come Antonello Mannurita e Antonio Carta. Cosa l'ha spinta a fare queste scelte, e quali contributi tattici hanno portato alla squadra?

R: Avevamo bisogno di un giocatore esperto a centrocampo come Mannurita, che dettasse i tempi del nostro gioco in mezzo al campo, qualità e quantità al servizio della squadra, non a caso Mannurita era vuluto da molte squadre del nord Sardegna, e sono contento che abbia scelto Sorso. Per quanto riguarda Antonio Carta, ha dato alla squadra un punto di riferimento in avanti, tiene palla fa salire la squadra, serve assist ai compagni, è forte fisicamente e ha il senso del gol, che ovviamente è il pane quotidiano di ogni attaccante, spalla ideale per una prima punta.

D: Nonostante il duro lavoro che lei e la società avete portato avanti in questi anni con sacrificio, e che hanno portato la squadra in un campionato importante, siete stati sempre fatti oggetto di critiche, anche aspre. Come risponde a chi fa insinuazioni tendenziose rivolte verso di lei e i dirigenti, nonché ai giocatori?

R: Guarda, sono cinque anni che il sottoscritto e la società subiscono critiche, e in cinque anni siamo arrivati in promozione, e il modo migliore per rispondere alle critiche sono i fatti. Che continuino pure a criticarci, la squadra risponderà alle critiche sul campo e sono sicuro che alla fine avremo ragione ancora noi.

D: Quale è secondo lei la partita nella quale la Romangia ha giocato meglio, anche se magari poi non ha fatto punti?

R: Olmedo, i ragazzi sono stati straordinari sia mentalmente che tatiTcamente, abbiamo creato tante palle gol e concesso poco agli avversari, e se Gianluca Sechi non usciva per infortunio, e l'arbitro non dava il secondo giallo a Giovanni Pischedda, la partita poteva durare 2 giorni finiva 1 a 0 per noi. Comunque rimane la prestazione, e sono sicuro che alla fine questi punti persi ci verranno restituiti

D: Lei ha sempre detto di avere fiducia nelle potenzialità di questa squadra e nella sua crescita. Quale sarà secondo lei il percorso da affrontare per riuscire a rimanere in questo campionato importante?

R: Stiamo lavorando sodo, i ragazzi non si risparmiano, i giocatori più anziani sono lì a tirare il gruppo e a dare consigli ai più giovani, è molto importante nella situazione attuale l'aspetto psicologico e su questo stiamo lavorando, da questa situazione ne usciremo stando uniti e affrontando tutti insieme le difficoltà, cercando di accrescere l'autostima in se stessi e nella squadra. Ovviamente la medicina migliore sono le vittorie, a partire da quella di domenica che si preannuncia come un vero e proprio scontro diretto.

D: Un'ultima domanda, che è un pò la nota dolente di questo campionato. Dopo la stagione fantastica dello scorso anno sembrava che Sorso reagisse meglio ai successi ottenuti, ma questi si sono tradotti quasi esclusivamente in un aumento delle iscrizioni nel settore giovanile, che comunque è sempre un'ottima cosa. Come mai non ci sono state risposte migliori, secondo lei?

R: Mah, Sorso è un paese molto esigente calcisticamente parlando, si muove se arrivano i risultati, o se la squadra è ai vertici, vedi Castelsardo e Macomer, finali promozione. Comunque sta a noi riportare la gente allo stadio, e sono sicuro che la squadra farà di tutto per riuscirci, e credimi ho una squadra fatta di ragazzi veramente speciali che stanno dando tutto quello che hanno dentro per uscirne da questa situazione. Una buona serata il mister della Romangia Sorso Manunta Beniamino

Grazie mille per il tempo concessomi per l'intervista, se vuole aggiungere qualcosa, sia ora che in futuro, il sito è sempre a sua disposizione. Buona serata.

E ovviamente, forza Romangia!!!

lunedì 10 novembre 2008

8° GIORNATA: USINESE - ROMANGIA 1-0

(Dalla cronaca del La Nuova Sardegna)
Quinta sconfitta stagionale per la Romangia Sorso, che scivola nuovamente nel baratro di un terzultimo posto davanti a Gialeto e Monte Alma, e ad un punto dal Borore, che supera i sorsesi grazie ad un pareggio casalingo. Sorpassa anche il Latte Dolce, vittorioso in casa, mentre la sorpresa arriva da Olmedo, dove la Torres subisce la prima sconfitta stagionale dopo ben 6 vittorie consecutive.
La sconfitta romangina arriva a causa dei troppi errori in attacco, uniti all'unico errore difensivo di Cappai in questa stagione.

La Romangia scende in campo con Contini GF, Pischedda G, Sechi GL, Cappai, Contini T, Marreu, Mannurita, Carta A, Sanna e Pischedda.
Risponde l'Usinese con Marini, Fiori, Cardone, Meloni, Gallotta, Manai, Puggioni, Pinna Nossai, Lai, Piga e Giua.

La partita inizia con un minuto di silenzio in ricordo del diciottenne di Usini Luca Uleri.
L'Usinese va in vantaggio dopo appena sei minuti, Cappai si fa saltare da Giua, che tenta il pallonetto, Contini GF riesce a parare ma il pallone ritorna sui piedi dell'attaccante usinese, che passa per Lai che batte a rete di potenza. Ancora l'Usinese sfiora il goal, ma Contini para da campione. La Romangia ha la possibilità di pareggiare, prima con Carta che si fa parare un tiro da Marini e successivamente con Pischedda che manda a lato.

Nel secondo tempo entrano Andrea Sechi, Musino e Schintu, e la Romangia tenta in ogni modo di pareggiare, e quasi ci riesce con Andrea Sechi che colpisce il palo. Pochi minuti prima Meloni colpiva la traversa di Contini, sfiorando il raddoppio. Al 37' il capitano Sechi viene espulso per fallo da ultimo uomo, ma la Romangia continua ad attaccare, e al 44' ha la possibilità di portare a casa almeno un punto, quando l'arbitro concede il calcio di rigore per atterramento in area di Andrea Sechi. Si incarica del tiro dal dischetto Andrea Pischedda, ma però non sorprende il portiere usinese, che riesce a parare. Nervosismo e polemiche a fine gara, con Gallotta che viene espulso a partita finita per una manata a Schintu.

Sconfitta di misura per la Romangia Sorso, che ancora una volta non riesce a capitalizzare le azioni costruite. Ancora una volta la sfortuna ha avuto un ruolo determinante.

COSI' L'OTTAVA GIORNATA

ARBUS - ILVAMADDALENA 1-1
BORORE - BUDDUSO' 2-2
BOSA - MONTE ALMA 0-0
LATTE DOLCE - ORIONE 96 2-0
MACOMER - GIALETO 2-1
OLMEDO - TORRES 2-1
R. VILLACIDRO 1-0
USINESE - ROMANGIA 1-0
RIPOSO: VALLEDORIA

sabato 8 novembre 2008

PRE-PARTITA

Grande attesa per la partita di domani contro l'Usinese, veterana del campionato regionale di Promozione. Sarà anche un'occasione per alcuni giocatori sorsesi di ritrovare la società nella quale hanno militato negli scorsi campionati. Hanno militato infatti nell'Usinese Antonello Mannurita, Daniele Schintu, Alberto Cappai, Tore Contini e Ivan Sanna. L'Usinese viaggia nella zona medio alta della classifica, mentre la Romangia è desiderosa di confermare quanto di buono è già stato fatto nella scorsa giornata di campionato contro l'Arbus.
La settima giornata ha visto, oltre alla solita vittoria della Torres, una frenata dell'Olmedo nella rincorsa alla vetta, fermata dall'Ilvamaddalena sul 2-1, che ora sembra riproporsi per le parti alte della classifica, dove si fa rivedere anche la R. Villacidro, vittoriosa in trasferta contro il Gialeto. Dietro intanto la situazione è sempre più agguerrita, e nessuno si sente al sicuro. La vittoria della Romangia ha smosso le acque, superando il Latte Dolce sconfitto a Buddusò. Il Monte Alma, intanto ha esonerato l'attuale allenatore, che sarà sostituito dal suo vice in attesa di trovare un sostituto. Sembra infatti che la società rossoblu non abbia ancora preso contatti certi, anche se in un primo momento i giornali davano per scontato il ritorno di Benny Manunta, l'allenatore della vittoriosa stagione del 2007/2008.
Per quanto riguarda la partita di domani, sembra quasi certo che Francesco Marreu non ci sarà, spazio quindi ancora a Cacace in campo ed Are in panchina. Rese note le squalifiche che sono derivate dalla partita contro l'Arbus. Una giornata a Tore Roggio, mentre il tecnico romangino Beniamino Manunta potrà tornare sulla panchina solo il 19 novembre, a causa delle proteste in occasione del rigore concesso all'Arbus.
Appuntamento per domani alle 15:00 ad Usini, e FORZA ROMANGIA!

giovedì 6 novembre 2008

IL PUNTO

La partita di domenica ha ridato fiducia nelle potenzialità della squadra, e come volevasi dimostrare è bastato avere qualcuno che buttasse dentro la palla. Certo è ancora presto per incoronare il giovane Andrea Pischedda come nuovo goleador della Romangia, ma nella partita contro l'Arbus ha messo in evidenza tutte le sue potenzialità. C'è da pensare inoltre che questa sostanzialmente è stata una delle partite che la Romangia ha giocato peggio, perchè ha creato poche palle da goal nitide, riuscendo però a sfruttarne perfettamente due. In difesa intanto si sono visti ulteriori miglioramenti, Tore Roggio ha sostituito egregiamente Giovanni Pischedda, mentre per una volta il goal avversario non è arrivato per una svista dei sorsesi, e c'è voluto un autentico capolavoro di Solinas per riuscire a scardinare la porta romangina.
Nel frattempo i due nuovi innesti, Antonello Mannurita e Antonio Carta (foto), stanno dando un grosso contributo positivo ai biancorossi di Beniamino Manunta, rivelandosi scelte azzeccate per risolvere i problemi che affliggevano la formazioone. In particolare Mannurita fa valere la sua esperienza mettendo ordine a centrocampo e proponendo schemi di gioco. Antonio Carta invece fa valere le proprie doti tecniche e atletiche, e domenica si è reso determinante servendo il passaggio a Pischedda per il 2-1.
A conti fatti, l'ottimismo paventato dall'allenatore è più che giustificato.

martedì 4 novembre 2008

SINTESI ROMANGIA - ARBUS 2-1

Ecco la sintesi della partita di domenica vinta contro l'Arbus, con la doppietta di Andrea Pischedda e il bel goal di Solinas per i granata. Da evidenziare nei replay gli errori dell'arbitro nelle azioni che portano al rigore e all'espulsione di Roggio.


Scusate per la scarsa qualità del video, ma ho dovuto per forza di cose comprimerlo per poterlo postare, e 80 MB necessitano di molto tempo per essere caricati. E' un limite delle connessioni internet, perchè l'"upload", ovvero il caricamento dal privato verso la rete è molto più lento rispetto al "download", ovvero il processo inverso che viene normalmente utilizzato e che permette di scaricare grandi file in poco tempo.

domenica 2 novembre 2008

7° GIORNATA: ROMANGIA - ARBUS 2-1

Arriva finalmente la prima vittoria in Promozione per la Romangia Sorso, frutto di una prestazione ottima, a fronte di un Arbus molto forte e determinato, che ha tenuto impegnato i romangini per tutta la durata della partita. Grande soddisfazione per l'allenatore Beniamino Manunta, che in questa settimana è stato oggetto di forti critiche da parte dei suoi detrattori. L'agonismo in campo gli fa commettere una leggerezza e viene espulso in occasione dell'assurdo rigore assegnato all'Arbus da un arbitro non all'altezza. Onore invece all'Arbus che ha dato vita ad una partita molto combattuta e sostanzialmente corretta. Un sospiro di sollievo dagli spalti al termine di quella che si spera possa essere l'inizio di un ciclo.

La Romangia scende in campo con Contini GF, Cappai, Santoni, Sechi GL, Roggio, Contini T, Cacace, Mannurita, Carta A, Sanna, Pischedda A. Come annunciato Marreu e Pischedda sono assenti, Marreu per un lieve infortunio (martedì riprenderà gli allenamenti da solo) mentre Pischedda G a causa dell'espulsione rimediata contro l'Olmedo. Al posto di Marreu gioca Cacace, mentre l'ottimo Roggio prende il posto di Pischedda G. Recupera dalla febbre invece Mannurita, ed è schierato dal primo minuto il nuovo attaccante Antonio Carta.
L'Arbus invece schiera Atzeni, Ruggeri, Falqui, Pisano, Demontis, Cancero, Pilloni, Pani, Vaccargiu, Meloni e Solinas. All. Zaccolo
Arbitro: Giua di Calangianus La Romangia parte subito forte e cerca di affondare, ma l'Arbus non si lascia sorprendere, e la prima azione dei sorsesi viene fermata con una trappola del fuorigioco ai danni di Cacace servito lungo da Mannurita. Risponde l'Arbus sulla destra, ma Contini controlla bene. La partita risulta a tratti confusa con sprazzi di buon gioco, al 10' minuto Mannurita serve Pischedda che addomestica la palla e tira da fuori, ma la conclusione finisce a lato. E' però il preludio al goal, che arriva due minuti dopo. Contini T lancia Sanna, che però è in ritardo sul difensore; non rinuncia però a pressare e gli porta via il pallone servendo con la punta del piede Pischedda A. Andrea si aggiusta la palla e batte il portiere con un preciso rasoterra da fuori area. L'Arbus però non è squadra che si arrende, e si butta subito in avanti. Da un corner arriva un giocatore granata che esplode il tiro, ma il pallone finisce a lato controllato da Contini GF. Due minuti dopo un cross dalla sinistra imbecca l'attaccante dell'Arbus, Contini sbaglia l'uscita ma per fortuna il granata non riesce a deviare il pallone in rete. Ancora l'Arbus su punizione, ma il tiro nato sul cross non impensierisce Contini GF. Al 25' la Romangia costruisce un'azione dalla difesa, Roggio serve Sanna che attraversa tutto il campo con la palla al piede, ma arriva stanco al tiro, che si perde tra le braccia del portiere granata. Subito dopo Pischedda, sempre attivo e pericoloso prova la botta da fuori ma l'arbitro segnala fuorigioco, e il tiro era comunque a lato. L'Arbus risponde prima con un lancio perfetto del portiere per il proprio attaccante, sul quale però l'ottimo Santoni copre e mette in angolo. Prima del riposo c'è il tempo per una punizione degli ospiti, punizione che viene messa in mezzo ma il tiro che ne nasce è alto.

Al rientro dagli spogliatoi per i granata entra Manis al posto di Meloni, e l'Arbus inizia a premere in cerca del pareggio. Lo ottiene dopo appena cinque minuti. Solinas affronta Sechi GL sul limite dell'area, si aggiusta il pallone e scarica un tiro micidiale all'incrocio dei pali sul quale Contini GF non può arrivare, e l'Arbus pareggia. I romangini però non accusano il colpo e si buttano immediatamente in avanti. Dopo 3 minuti Mannurita serve Pischedda A, che cerca il tiro ma viene smorzato dal difensore granata per il portiere. Subito dopo sempre Mannurita serve Pischedda A sul filo del fuorigioco, che addomestica ottimamente il pallone ma sbaglia incredibilmente a tu per tu con il portiere. C'è molto agonismo a centrocampo, e l'Arbus sa rendersi pericoloso. Al 20' un contropiede granata sul limite del fuorigioco fa nascere un cross insidioso, ma Contini GF sceglie bene il tempo e anticipa l'attaccante pronto a colpire di testa. Mister Manunta cerca velocità sulle fasce, e al 22' inserisce Sechi al posto di Sanna, autore di una buona prestazione, anche se altalenante. Subito Sechi in evidenza con un lancio per Pischedda A, ma il guardialinee sbandiera il fuorigioco. Ancora Sechi, che evidentemente riesce a mettere in crisi la difesa granata, si invola sulla fascia e mette al centro, sulla ribattuta Cacace prova il tiro ma non riesce a coordinarsi. Subito dopo Mannurita su punizione serve Carta A, il controllo è buono ma non riesce a tirare forte e il pallone finisce tra le braccia del portiere. Poco dopo però arriva il vantaggio sorsese; splendido lancio di Carta A per Pischedda A, che dribbla agilmente il portiere e deposita la palla in rete prima che questa finisca sul fondo. Mister Manunta cerca di prendere tempo con giocatori freschi e mette in campo Tirotto al posto di Carta A, mentre l'Arbus corre ai ripari ed effettua due sostituzioni con Tomasi e Aresu al posto di Ruggeri e Pilloni. A un quarto d'ora dalla fine l'arbitro si inventa un rigore assurdo. Prima non fischia un fallo di mani evidentissimo dell'attaccante granata su Sechi GL, sullo sviluppo dell'azione nasce una punizione per l'Arbus, che batte subito in area, l'attaccante tenta il cross e Roggio respinge con il corpo, ma l'arbitro non è dello stesso avviso e assegna il penalty, tra lo stupore del pubblico per i tre errori di fila commessi dal direttore di gara, che espelle l'allenatore sorsese per proteste. Il rigore per fortuna viene calciato alto, e i tifosi tirano un sospiro di sollievo. Al 37' l'esordio in prima squadra per il giovanissimo Stefano Are, convocato al posto dell'infortunato Marreu. Al 41' l'arbiutro commette un'altra svista; fallo su Roggio da dietro, lo stesso giocatore che lo commette fa finta di inciampare sulle gambe del sorsese che è ancora a terra e l'arbitro espelle il biancorosso. Ci sarebbero gli estremi per i sospetti, ma non è questa la sede in cui discuterne. L'Arbus allora inizia ad attaccare in massa, ma Cappai, Santoni e capitan Sechi GL riescono a contenere bene. Ultimo brivido su calcio d'angolo, dal quale nasce una mischia sulla quale alla fine Cappai libera. Il triplice fischio arriva come una liberazione e la Romangia può finalmente festeggiare la sua prima vittoria in questo difficile campionato.
Vittoria sofferta dunque per la Romangia Sorso, che in questo modo scaccia via i fantasmi che parevano non volerla lasciare. La classifica inizia a muoversi, e mister Manunta può finalmente sfogare la propria soddisfazione nei confronti di chi lo ha sempre criticato. Certo una vittoria non basta per dire che la crisi è passata, ma è comunque una bella iniezione di fiducia. Ora appuntamento per domenica prossima ad Usini contro l'Usinese, dove molti giocatori romangini hanno militato nei campionati scorsi, sempre in Promozione.


MIGLIOR GIOCATORE DELLA PARTITA: ANDREA PISCHEDDA

COSI' LA 7° GIORNATA

BUDDUSO' - LATTE DOLCE 2-0
GHILARZA - BOSA 1-0
GIALETO - R. VILLACIDRO 0-2
ILVAMADDALENA - OLMEDO 2-1
ORIONE 96 - USINESE 1-0
ROMANGIA - ARBUS 2-1
TORRES - MACOMER 1-0
VALLEDORIA - BORORE 3-2
RIPOSO: MONTE ALMA

sabato 1 novembre 2008

PRE-PARTITA


Ennesima chiamata alle armi per i giocatori di Beniamino Manunta, che domani dovranno cercare in ogni modo di avere la meglio di un ottimo Arbus, in questo momento a quota 10 punti dopo il pareggio contro Orione 96. Buone notizie, con il recupero di Gianluca Sechi che ad Olmedo era uscito per un risentimento muscolare, mentre sembra certa la presenza di Santoni. In forse invece la presenza di Mannurita, che giovedì non si è allenato per febbre. Assente Giovanni Pischedda, che nella scorsa giornata è stato espulso per doppia ammonizione e salterà un turno. Brutta notizia per il reparto fuori quota, Francesco Marreu si è infortunato e non si conoscono i tempi di recupero. Contro l'Arbus è stato convocato un giovane delle Juniores.
Intanto il campionato vede già la sua protagonista principale nella Torres, come prevedibile, anche se in due occasioni, contro Villacidro e Monte Alma, ha avuto non pochi problemi ad avere la meglio. Il ruolino di marcia dei sassaresi è impressionante, con 5 partite disputate e altrettante vittorie. In questo momento solo l'Olmedo sembra tenere il ritmo ad 1 punto di distanza, ma con una partita in più. Dietro la situazione è pressochè stazionaria, con 7 squadre in 5 punti.
Una vittoria domani significherebbe non solo avvicinarsi al treno per la lotta salvezza, ma una vera e propria iniezione di fiducia che darebbe finalmente una scossa ad una squadra che non vince una partita dal match della finale playoff contro il Siliqua. E forse zittirebbe le voci critiche che in questi giorni si sono fatte sentire su questo sito.
FORZA ROMANGIA!!!